Dal Vangelo secondo Giovanni 14,27-31

Brevi riflessioni

“Non sia turbato il vostro cuore”: così dice Gesù e nello stesso tempo offre la “sua” pace e indica il “suo” amore come condizione di gioia.
Il Signore non ci lascia mai soli o in balia del nemico, principe di questo mondo, ma insieme al Padre e allo Spirito Santo veglia su di noi e ci custodisce nel suo amore.
Egli ci offre la sua pace, pace che rasserena, pace che consola, pace che dà forza, pace che riempie il cuore di gioia, pace che offre speranza per il futuro ed è già pegno di gloria.
La Chiesa ce lo ricorda ogni giorno nel suo saluto liturgico: la pace del Signore sia con tutti voi!
Signore, vogliamo appartenere a te che doni gioia e pace, rallegraci sempre con la tua presenza rassicurante.
B.giornata. pln

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *